Formazione

L'attività di formazione di Unichim del 2018 mira a trasferire le conoscenze necessarie per rafforzare la consapevolezza ed aiutare i laboratori ad ottenere benefici concreti e reali in termini di risultati prestazionali dall’applicazione di un sistema di gestione conforme allo standard ISO/IEC 17025. Qui di seguito due slide esplicative. 

Presentazione corsi 2018

Per l’anno 2018 UNICHIM ha deciso di implementare l’impostazione dei propri Corsi con una proposta formativa “innovativa” che considera gli aspetti di sistema e tecnici, legati all’applicazione della Norma UNI CEI EN ISO/IEC 17025:2017 nei Laboratori di prova.

Il corso di riferimento, “LA NUOVA EDIZIONE DELLA NORMA norma ISO/IEC 17025. IMPATTO SULLA REALTA’ OPERATIVA DEI LABORATORI DI PROVA” è strutturato per cercare di dare delle risposte alle seguenti domande: Quali sono gli obiettivi posti dalla nuova edizione? Quali i nuovi requisiti introdotti e gli impatti prevedibili? Come trarre vantaggi dalla sua applicazione, in termini di efficacia ed efficienza, in un mercato estremamente competitivo quale quello attuale?

Il Corso è pensato per fornire ai laboratori elementi di riflessione su opportunità e potenziali vantaggi offerti dal cambiamento normativo.

Il Corso “LA GESTIONE DEI PROCESSI IN UN LABORATORIO DI PROVA CONFORME ALLA” è rivolto ai laboratori di prova che sono interessati all’adozione di un modello organizzativo per processi coerente con quanto richiesto dalla nuova norma ISO/IEC 17025. Il Corso fornisce le conoscenze teoriche e pratiche sulle metodologie di selezione dei vari processi che caratterizzano l’attività di un laboratorio di prova, sulle modalità di gestione degli stessi e sulle azioni di monitoraggio e controllo coerenti con le politiche adottate e le esigenze dei clienti.

Per chi fosse interessato ad approfondire gli aspetti riguardanti il sistema informatico, strumento irrinunciabile ai fini di una gestione efficace ed efficiente delle attività in un laboratorio di prova, UNICHIM ha previsto il corso “LA GESTIONE INFORMATICA DELL’ATTIVITA’ ALLA LUCE DEI NUOVI REQUISITI INTRODOTTI DALLA UNI EN ISO/IEC 17025:2017” che tratta in dettaglio l’argomento in questione, delineando un approccio efficace alla strutturazione e formalizzazione di un sistema informatico del laboratorio conforme ai requisiti posti dalla nuova versione della norma di riferimento.

Infine la nuova edizione della ISO/IEC 17025:2017, analogamente a norme appartenenti alla stessa serie, richiede che valutazione e gestione dei rischi connessi con le attività esercitate vengano formalizzate, utilizzando le modalità ritenute più opportune e facendo riferimento ad eventuali linee guida. La scelta delle modalità riveste un carattere di criticità in relazione all’efficacia del risultato dell’analisi del rischio, condizionando in qualche misura anche la successiva fase di gestione dello stesso.

Il Corso “APPROCCIO ALL’ANALISI E GESTIONE DEL RISCHIO IN UN LABORATORIO DI PROVA” prende in esame i requisiti della nuova edizione della norma che necessitano di un’analisi dei rischi, illustrando le metodologie utilizzabili in relazione alla tipologia di rischio da presidiare e fornendo spunti concreti di realizzazione.

Il corso di riferimento tecnico, relativo alla “ASSICURAZIONE DELLA QUALITA’ DEI DATI” è strutturato su due giornate e affronta, a livello generale, una serie di aspetti legati alla validazione dei metodi, alla gestione delle tarature della strumentazione complessa, alla costruzione ed utilizzo delle carte di controllo, alla partecipazione ai circuiti interlaboratorio ed alla stima dell'incertezza di misura. Il Corso prende inoltre in esame le modalità di gestione di un Piano di Assicurazione di Qualità che consenta la stima dell'incertezza di misura secondo l'approccio previsto dalla Norma ISO 11352. La presentazione dei docenti, per la loro esperienza specifica, è orientata alla comprensione delle principali problematiche che si presentano nei laboratori accreditati ed è arricchita di esempi applicativi vicini alla realtà operativa di tutti i giorni.

Per le sue caratteristiche, il Corso è indirizzato ai tecnici di laboratorio di prova che operano in campo chimico, ed è da considerarsi propedeutico ai Corsi di approfondimento monotematici inclusi nel programma “LA QUALITA’ NEI LABORATORI DI PROVA”.

Un’attenzione specifica viene dedicata al programma di “ASSICURAZIONE DI QUALITA’ PER I METODI EPA”, che in una giornata specifica, considera le problematiche relative alla Dimostrazione Iniziale di Performance (IDP), al concetto di Validazione, alla tipologia di Controlli di qualità richiesti (QC) ed alla stima l’incertezza di misura. Attraverso esempi applicativi semplici ma efficaci viene illustrata la modalità di stima dell'incertezza di misura che non presuppone l'impiego dell'approccio metrologico ma parte dai dati di validazione e di assicurazione di qualità dei risultati.

Il corso “INCERTEZZA DI MISURA” tra le diverse problematiche si occupa di Partecipazione a Circuiti Interlaboratorio, criteri di valutazione delle prestazioni e calcolo dell’incertezza di misura secondo la ISO 11352, fornendo ai partecipanti un approccio alternativo al monitoraggio della qualità dei propri dati basati su dati reali derivanti dalla partecipazione ai PT.

Il corso “COSTRUZIONE E GESTIONE DELLE CARTE DI CONTROLLO” si rivolge a coloro che, pur già utilizzando tali strumenti nella pratica lavorativa, desiderano approfondire alcuni aspetti con particolare riguardo alle modalità di costruzione delle carte di controllo e di gestione dei risultati anomali.

Infine il corso “LA TARATURA DELLA STRUMENTAZIONE SEMPLICE E COMPLESSA” dedica un’attenzione specifica al concetto di conferma metrologica e di riferibilità dei risultati nei suoi vari aspetti, primo fra tutti quello legato ai materiali di riferimento. L’impiego di tali materiali viene trattato in relazione alla costruzione della curva di taratura per la stima del misurando ed alla valutazione dell’incertezza di taratura. Vengono presentate e discusse le problematiche connesse alla taratura di strumentazione semplice (termometri, bilance, micropipette) e di strumentazione analitica più complessa (ICPMS- GC-MS ecc.).

Tutti i corsi proposti per il 2018 sono riconosciuti dal Consiglio Nazionale dei Chimici e la partecipazione agli eventi consente, agli iscritti all’Ordine dei chimici, di ricevere un numero di crediti formativi che può variare da otto a sedici in funzione della durata di erogazione del Corso. 

Corsi effettuabili presso sedi esterne su richiesta di enti o aziende

SISTEMA QUALITA’ NEI LABORATORI DI PROVA SECONDO
LA UNI CEI EN ISO/IEC 17025:2005

Convalida dei metodi di prova, tarature e riferibilità delle misure

Il Corso fornisce elementi di indirizzo per affrontare i problemi legati alla taratura delle apparecchiature, alla valutazione dei parametri di accuratezza e precisione, alla costruzione ed allo studio della curva di taratura strumentale.

Il Corso è indirizzato soprattutto a personale tecnico di laboratori di prova che operano in campo chimico.

Durata : 2 giornate.

Stima ed espressione dell’incertezza dei risultati di prova

Il Corso è finalizzato a fornire i criteri fondamentali per il calcolo e l’espressione dell’incertezza da associare ad un risultato analitico, nel caso di applicazione di metodi normati, ufficiali, o interni.

Il Corso è costituito da una parte dedicata alla trattazione delle modalità con cui stimare l’incertezza ed un’altra dedicata ad esempi pratici, che possono essere selezionati sulla base delle specifiche esigenze dei laboratori.

Il Corso è indirizzato soprattutto a personale tecnico di laboratori di prova che operano in campo chimico.

Durata : 2 giornate.

Assicurazione della Qualità dei risultati di prova

Il Corso affronta il problema fondamentale della assicurazione della qualità dei dati analitici, approfondendo gli aspetti relativi alle azioni di controllo e di verifica necessari a questo fine. Ampio spazio viene dato a: carte di controllo, criteri da seguire per la valutazione della idoneità di un operatore ad eseguire determinate prove e per le successive verifiche nel tempo di tale idoneità, ai materiali di riferimento ed alle Prove Interlaboratorio.

Nell’ambito del Corso viene presentato un software espressamente messo a punto da UNICHIM per la creazione e la gestione di carte di controllo. Copia dello stesso software, che non viene in alcun modo commercializzato da UNICHIM, è fornita gratuitamente ai partecipanti.

Durata : 2 giornate.

Audit nei laboratori. Formazione degli Auditor

Il Corso si articola su tre momenti distinti:

- analisi di obblighi di attuazione, obiettivi, modalità di attuazione e di registrazione di audit interni;

- esercitazione di gruppo sulla valutazione delle non conformità presenti in due tipici documenti del SQ e discussione conclusiva su risultati emersi ed azioni correttive più opportune;

- esame conclusivo individuale, basato sulla valutazione di conformità di una serie di documentazioni predisposte ad hoc, e discussione finale sulle non conformità individuate.

La partecipazione a questo Corso dovrebbe essere orientativamente limitata a 20 – 25 persone.

Ai discenti che dimostreranno una competenza adeguata, sulla base delle risultanze dell’esame finale, verrà rilasciato un attestato di idoneità a ricoprire il ruolo di Auditor interno.

Durata : 2 giornate + 1 giornata per l’esame finale

COSTO: forfettario, in funzione del numero di giornate e del numero di docenti coinvolti indipendentemente dal numero di partecipanti

Piccole modifiche rispetto al programma indicato per i singoli Corsi, potranno essere concordate per soddisfare esigenze specifiche del richiedente.